Italian Chinese (Simplified) English French German Hindi Portuguese Spanish

Time Management

Scritto da Leonardo Rizzo. Postato in Books, DVD, CD

Share

Time Management

Come gestire il nostro tempo

QUESTIONE DI TEMPO

Presentazione

Ciao a tutti! E’ un grande piacere per me poter iniziare una rubrica su un argomento ancora inedito, ma che potrà essere utilissimo a tutti quelli che, come me, hanno detto spesso: “Se solo avessi più tempo…”
Il Time Management è una disciplina relativamente giovane e, nelle sue applicazioni più moderne, si rivolge soprattutto a manager, imprenditori, liberi professionisti, ecc. Ma perché non adattarla anche a noi musicisti che spesso ci troviamo a vivere situazioni in cui la fretta la fa da padrone e a essere realmente imprenditori di noi stessi?

Tutti gli appuntamenti che seguiranno saranno organizzati in modo sintetico per permettervi di applicare immediatamente le abilità che acquisirete. Ma se dovessero nascervi curiosità o perplessità, vi prego di contattarmi all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leonardo Rizzo - Time Management -

I APPUNTAMENTO

Introduzione

Alzi la mano chi di voi sogna di poter essere come il batterista X o Y, di poter vivere di musica, di essere un professionista stimato e ricercato, di sfondare con il proprio gruppo, di potersi applicare anima e corpo al nostro amatissimo strumento, ecc. E adesso la alzi chi, nonostante questi nobili propositi, trova difficoltà nella loro applicazione per la scarsa quantità di tempo a disposizione e per la mole esagerata di impegni rappresentata dalla scuola, dal lavoro, dai figli e chi più ne ha più ne metta. E questo, ci scommetto, vi stressa moltissimo…non è così?

Il Time Management non è la panacea di ogni male; non pensate a una bacchetta magica che in pochi secondi vi risolva tutti i problemi. La bella notizia, però, è che oltre agli oneri, anche tutti gli onori di una valida organizzazione del tempo saranno solo e soltanto merito vostro.

Come ho scritto nella presentazione, gli argomenti che tratterò saranno di facile applicazione. Quindi, ogni volta che trovate un consiglio che ben si adatta alla vostra situazione, fatene tesoro: trascrivetelo, meditateci su e…APPLICATELO! Non vorrete continuare a stressarvi fino a diventare come l’uomo nella foto no??!!

Obiettivi

Un vecchio detto popolare dice: “Non esiste un vento favorevole per un marinaio che non sa dove andare”. Pensateci…non è poi così banale.

La prima cosa su cui vorrei farvi riflettere è proprio questa: voi sapete dove andare? Avete ben chiari i vostri obiettivi? Avete un sogno? O per dirla nel linguaggio del marketing: avete una vision? Se la risposta è si, complimenti perché non è così scontato essere focalizzati su un risultato da ottenere.

Se la risposta è no, invece, non preoccupatevi. Prendetevi il vostro tempo e riflettete attentamente e serenamente. Sono sicuro che anche voi abbiate un sogno o un’aspirazione. Focalizzate questa immagine e fate in modo di poterla quasi toccare. Che aspettate? Fatelo subito!

Il solo pensarci vi ha caricati vero? Congratulazioni, avete provato l’ebbrezza di un sogno. Mi raccomando, non lasciatevela mai scappare!

La scelta di un obiettivo costituisce, senza dubbio, le fondamenta per qualsiasi tipo di strategia futura. Alla strategia, infatti, dovranno seguire delle azioni reali.

 

Per farvi un esempio, se avete come obiettivo quello di suonare jazz dovrete necessariamente documentarvi sui pionieri del genere e sulle nuove leve, curare il tocco del ride, l’indipendenza legata a questo stile, imparare molti standard, ecc.

 

Se il vostro obiettivo sarà quello di formare un gruppo death metal, invece, sarà meglio che oltre a documentarvi sulla discografia di base e sui batteristi di riferimento, aumentiate la vostra meccanica, la velocità e la resistenza degli arti, vi esercitiate sui blast beats, ecc.

Insomma, per farla breve, meglio avrete in mente che cosa vorrete fare, meglio riuscirete a farlo!

Tutto qua??? No, il bello deve ancora venire! Un po’ di pazienza però! ?

Il pensare a un obiettivo da raggiungere in modo cosciente è cosa tutt’altro che banale, ma assolutamente stimolante. Immaginate, in questa fase, ogni particolare della vostra vision.Maggiore sarà la precisione di questa immagine e meglio riuscirete a focalizzare gli sforzi per raggiungerla.

Forse, in questo momento, potreste essere travolti da tutti gli impegni che state vivendo o annoiati dalla routine quotidiana, ma trovate il tempo di fermarvi e di riflettere. Cercate una visione di tipo prospettico rispetto al vostro obiettivo e godetevela fino in fondo.

Il resto alla prossima puntata!

Libri Consigliati

F. Pirovano, A. Novello, Che stress!, Lavorare bene per vivere meglio, Sperling & Kupfer

A. Marino, A. Rolandi, Autosviluppo, Guerini e Associati

 

Consigli pratici

E’ difficile, con tutti gli impegni che avete, riuscire a concentrarvi sulla vostra vision in modo sereno? Provate con questo: -ritagliatevi 15 minuti
-sdraiatevi e inspirate profondamente per 6 secondi riempiendo prima l’addome e poi il torace
-trattenete il respiro per 3 secondi ed espirate l’aria prima dal torace e poi dall’addome in 6 secondi
-trattenete per 3 secondi e ripetete la procedura
-lasciate che i pensieri e le preoccupazioni scivolino via
-ripetete la procedura ogni volta vi sentite oppressi da una situazione stressante

Mai sperimentata questa tecnica prima di un concerto, di un esame o di una sessione di studio? Provate e fatemi sapere! La respirazione profonda abbassa drasticamente i livelli di stress, permette una migliore concentrazione e diminuisce gli stati d’ansia.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Share