Italian Chinese (Simplified) English French German Hindi Portuguese Spanish

Corrado Rustici & Peppino D’Agostino - FOR THE BEAUTY OF THIS WICKED WORLD

Scritto da Redazione. Postato in Books, DVD, CD

Share

 CORRADO RUSTICI & PEPPINO D’AGOSTINO

IL 28 GIUGNO ESCE “FOR THE BEAUTY OF THIS WICKED WORLD”
l’album dei due grandi chitarristi e compositori per la prima volta insieme in un disco

Corrado Peppino foto JoeMessina

foto di Joe Messina


Il 28 giugno esce “FOR THE BEAUTY OF THIS WICKED WORLD” (Corrado Rustici/A-train entertainment), l’album che segna la collaborazione tra il chitarrista e produttore musicale CORRADO RUSTICI e il chitarrista PEPPINO D’AGOSTINO, per la prima volta insieme in un progetto artistico. Il disco sarà disponibile nei negozi tradizionali, in digital download e sulle principali piattaforme streaming.



Prodotto da Corrado Rustici, “FOR THE BEAUTY OF THIS WICKED WORLD” nasce dall’incontro degli universi artistici di due virtuosi della chitarra che, pur appartenendo a contesti musicali differenti, condividono radici culturali, intuizioni compositive e prospettive sonore. Il risultato è quello di un album composto da 7 brani (5 strumentali e 2 cantati) che si aprono a orizzonti musicali che spaziano dal rock progressivo alla musica ambient, dal jazz all’elettronica.

Questa la tracklist dell’album: “Oumuamua”, “The knife of love”, “XXVI – 118/120”, “For the beauty of this wicked world”, “3-2-1... A tribute...”, “Ice sculptures”, “Ocean planets”.

Rustci dagostino Cover bb



Originario di Napoli, CORRADO RUSTICI si divide da sempre tra la carriera di musicista e quella di produttore. Destreggiandosi tra chitarra e studio di registrazione, Rustici è diventato uno dei produttori più apprezzati nel mondo, nonché l’uomo che ha saputo portare il sound e l’approccio americano nel mercato discografico italiano. Ha lavorato con nomi del calibro di Herbie Hancock, Whitney Houston, Aretha Franklin, George Benson ed Elton John, ed è stato produttore per artisti come Zucchero, Francesco De Gregori, Ligabue, Claudio Baglioni, Elisa, Andrea Bocelli, Negramaro e Francesco Renga, contribuendo alla vendita di più di 20 milioni di dischi. Parallelamente, oltre a essere stato il fondatore di due band rock prog italiane diventate poi leggenda, i Cervello e i Nova, ha pubblicato anche 3 dischi da solista (2 in studio e 1 live).

Nato a Messina, PEPPINO D’AGOSTINO ha ricevuto riconoscimenti internazionali come chitarrista sin da quando si è trasferito in America nel 1985. Si è esibito in 31 Nazioni, condividendo il palco con artisti del calibro di Tommy Emmanuel, Leo Kottke, Martin Taylor e Sergio Assad. Il suo album “Every Step of the Way” (2002) è stato premiato con la medaglia di bronzo come “Miglior Album Acustico Di Tutti I Tempi” dalla rivista Acoustic Guitar Magazine. Nel 2007 i lettori della rivista musicale Guitar Player lo hanno votato come “Miglior Chitarrista Acustico” e nel 2017 è entrato nella classifica dei 50 chitarristi più importanti mai esistiti. Ha pubblicato 18 album di cui l’ultimo è “Penumbra”, uscito nel 2014.

 

PEPPINO D’AGOSTINO
BIOGRAFIA


Nato a Messina, Peppino D’Agostino ha lasciato l’Italia più di 30 anni fa trasferendosi in America con il sogno di suonare con i più grandi chitarristi. Un sogno che ha realizzato, iniziando ad emergere nei primi anni '80 come riferimento della seconda ondata dei grandi fingerstylists che hanno contribuito a ridefinire le possibilità della chitarra acustica. La sua straordinaria tecnica, la predilezione per le accordature aperte e gli effetti percussivi sono alla base del suo stile compositivo unico, che ha ispirato musicisti e pubblico per decenni. In aggiunta, il suo naturale calore, la giocosità e gli ampi gusti musicali sono la ricetta per quello che lui chiama “minestrone music”.
Durante la sua carriera da musicista, Peppino D'Agostino ha realizzato 18 album pubblicati da etichette prestigiose come Favored Nations, Mesa / Bluemoon e Acoustic Music Records. Il suo stile melodico ma emotivamente intenso emerge soprattutto in “Acoustic Spirit” (1987), “Close to the Heart” (1993) e “Every Step of the Way” (2002), elencato dalla rivista Acustic Guitar nella Top 3 degli album di chitarra acustica più importanti di tutti i tempi.
Peppino D'Agostino si è esibito in più di 30 paesi, suonando in prestigiosi festival internazionali e in alcuni dei più importanti teatri del mondo. Ha condiviso il palco con artisti come Tommy Emmanuel, Leo Kottke, Laurindo Almeida, Sergio Assad, Larry Carlton ed Eric Johnson. Riconosciuto come “il chitarrista dei chitarristi” dalla rivista Acoustic Guitar e descritto come "un gigante della chitarra acustica" dal San Diego Reader, D'Agostino è stato votato Best Acoustic Guitarist dai lettori della rivista Guitar Player.
Membro attivo del Pacific Guitar Ensemble, Peppino ha collaborato, tra gli altri, con il chitarrista classico David Tanenbaum (cattedra di chitarra classica al Conservatorio di San Francisco), con Jeff Campitelli (considerato uno dei 100 migliori batteristi di tutti i tempi dalla rivista Rolling Stone) e il leggendario arpista e violinista paraguaiano Carlos Reye. Ha composto assieme al chitarrista Stef Burns e a Vasco Rossi “Stammi Vicino”, che ha raggiunto il primo posto nelle classifiche rock di iTunes in Italia.
Dal suo ultimo album da solista, “Penumbra” (2014), emerge al meglio la capacità di D’Agostino di unire insieme il mondo della chitarra classica a quello del rock, mixando composizioni sofisticate e melodie tecnicamente complesse. “Penumbra” include due composizioni scritte per lui dal vincitore del Latin Grammy Award e leggenda della chitarra classica Sergio Assad, oltre che composizioni originali di tre grandi chitarristi classici contemporanei: Roland Dyens, Maurizio Colonna e Gyan Riley. Nel 2015 Peppino è stato protagonista di un tour tutto esaurito in Cina e ha composto una colonna sonora per il Monterey Bay Aquarium in California, il secondo acquario più frequentato degli Stati Uniti. La Seagull produce un modello di chitarra creato in collaborazione con D’Agostino, votato dalla rivista Guitar Player tra le dieci migliori chitarre firmate al mondo.
Il 28 giugno 2019 pubblica insieme al chitarrista e compositore Corrado Rustici l’album “For The Beauty Of This Wicked World”.



CORRADO RUSTICI
BIOGRAFIA



Corrado Rustici nasce a Napoli da una famiglia di artisti e musicisti. All’età di 5 anni impara a suonare il mandolino dalla nonna. A 9 anni inizia a studiare la chitarra, suonando di nascosto gli strumenti del fratello maggiore, Danilo. La svolta decisiva avviene all'età di 15 anni, quando ascolta per la prima volta John McLaughlin e la Mahavishnu Orchestra: un'esperienza che apre un’intera e inaspettata dimensione musicale per il chitarrista che viveva dentro di lui.
A 17 anni fonda il gruppo di rock-progressive Cervello e pubblica l’album "Melos" su etichetta Ricordi. Di tanto in tanto scrive per e canta nel gruppo del fratello Danilo, ma velocemente forma un nuovo gruppo rock-fusion, i Nova. Dopo essersi trasferiti in Inghilterra, i Nova sono messi sotto contratto dalla casa discografica Arista, con cui pubblicano 4 album dal 1975 al 1978. Phil Collins suona in uno degli album, così come Narada Michael Walden che invita Corrado a trasferirsi in California e a collaborare con lui. Dopo il successo di uno degli album dei Nova negli Stati Uniti, il gruppo decide di trasferirsi nuovamente e nel 1977 prendono base a Los Angeles. È verso la metà del 1978 che Corrado decide di accettare l’invito di Walden a San Francisco.
Benché avesse sempre lavorato nello studio di incisione, il primo riconoscimento come produttore arriva solo nel 1985. Il batterista jazz Tullio De Piscopo gli propone di produrre l’album “Eastern Passage”, apprezzato da Zucchero Fornaciari. Nasce così una lunga collaborazione, 8 album nel corso di 17 anni, fra i quali “Oro Incenso & Birra”, “Miserere” - che raggiunge velocemente il milione di vendite dopo l’uscita nel 1992 - e nel 1995 “Spirito diVino”, che vende più di 2 milioni di copie, raggiunge la Top Ten e svetta al numero 1 nelle classifiche europee di Billboard. Non solo: con l’album di Zucchero del 1987, “Blue's”, Rustici raggiunge la fama di “Miglior Produttore in Italia” e il brano “Senza una Donna” ri-registrata in duetto con Paul Young e raggiunge numero 1 in tutta Europa.
Nel 1994 è con Zucchero a “Woodstock '94”. È la realizzazione di un sogno per Corrado che, ispirato da adolescente dal film di Michael Wadleigh che aveva documentato il primo festival di Woodstock, 25 anni dopo si ritrova sul palco con Michael Shrieve, membro della Santana Band nel Woodstock “originale”. Tramite Zucchero, Corrado ha anche la possibilità di lavorare con uno dei tenori più famosi del mondo, Luciano Pavarotti. Zucchero aveva scritto una canzone per “Big Luciano” e quando Pavarotti accetta di inciderla in duetto con Zucchero per l’album “Miserere”, Corrado ne è produttore con un'orchestra di 50 elementi diretta da Michael Kamen.
Rustici comincia a utilizzare l’elettronica nel 1984. Inizialmente il computer è mezzo di ricerca sia musicale che spirituale. Le esplorazioni che compie sull’effetto delle varie frequenze sonore sul corpo e la mente lo aiutano a formulare il suo innovativo metodo di produzione denominato “Push & Pull”, che affianca l’approccio della musica rock e pop con l’effetto più morbido ed evocativo della musica ambient. Le conoscenze tecniche acquisite gli permettono così di collaborare con Opcode alla programmazione del loro software musicale per molti anni.

Altri importanti progetti musicali diventati anche successi commerciali sono “Prendere e Lasciare”, album di Francesco De Gregori e “The Best of Zucchero” che ha superato i 3 milioni di copie vendute.
Nel settembre 1997 viene pubblicato “Pipes and Flowers”, l'album di debutto della cantante Elisa, prodotto ed arrangiato da Corrado. L'album raggiunge e supera le 300.000 copie. Elisa vince "Il Premio Italiano della Musica (P.I.M.)" come "Migliore rivelazione italiana dell'anno" e il prestigioso "Premio Tenco" come "Migliore album d'esordio".
Nel 1998 Rustici collabora con Zucchero per la produzione di “Blue Sugar” che supera il milione di copie vendute in Italia ed entra in classifica in tutta Europa. Nello stesso anno produce per la EMI francese 4 brani dell'album “Leia” del gruppo Corso i Muvrini.
Con l'album di Claudio Baglioni “Viaggiatore sulla coda del tempo” e con “Time for peace” - l'album della cantante israeliana Rita, che contiene brani composti da Rustici insieme a Rami Kleinstein (uno dei più grandi autori israeliani) - inizia a diversificare le produzioni. Nel 2000 produce l'album “Serendipity” del leggendario gruppo PFM.
Il 2001 inizia con la produzione di “Luce”, brano vincente del Festival di Sanremo e numero 1 nella classifica italiana, cantato da Elisa. Sempre con “Luce” Elisa riceve l"MTV Europe Award" come "Migliore artista italiana" e "il Premio Italiano della Musica (P.I.M.)" come "Migliore artista femminile" e "Miglior canzone". In seguito produce “Shake” di Zucchero che raggiunge i 2 milioni di copie vendute in tutta Europa, diventa numero 1 nelle classifiche Italiane per 16 settimane e numero 1 in Spagna con il brano “Baila”. Torna quindi alla produzione dell’album “Then comes the sun” di Elisa, con la quale compone anche 2 brani dell'album (“Heaven out of hell” e “Fever”). Terzo impegno nell'anno 2001 è “Virus”, album di debutto della rock band vicentina Mistonocivo con cui Corrado inaugura la sua etichetta discografica “Flood Records”.

Nella prima metà del 2003 Corrado produce l'album di Cristina Marocco per EMI Francia, contribuendo anche con una sua composizione, “Tous ces peut-etre”". Produce anche 5 canzoni per il nuovo album di Alessandro Safina. Durante l'estate produce una cover di “Nessuno mi può giudicare” per la giovane band Gazosa, seguito dalla produzione di un nuovo brano per il gruppo rock Negramaro.
Nel 2005 produce “Mentre Tutto Scorre” dei Negramaro, che nel giro di un anno conquista il multiplatino. Lo stesso anno produce il gruppo emergente degli Ameba4.
La prima metà del 2006 lo vede impegnato a comporre e registrare il suo album “Deconstruction of a postmodern musician”. Il progetto vede la partecipazione di grandi nomi come: Allan Holdsworth, Elisa, Negramaro, Paul McCandless, Steve Smith, Michael Manring e tanti altri. “Deconstruction” è anche la colonna sonora del film di Renato Pozzetto “Un amore su misura”, distribuito nel gennaio seguente. A settembre torna a collaborare con Elisa, producendo tre brani inediti – tra cui la hit “Gli ostacoli del cuore” - per il suo primo greatest hits “Soundtrack 96 – 06”. L'album entra in cima alle classifiche italiane, diventando dopo un anno Disco di Diamante.
A gennaio del 2007 entra in studio con i Negramaro per produrre il nuovo lavoro “La finestra”. Il primo singolo “Parlami d'amore” entra subito al primo posto delle classifiche, dove rimane per ben 15 settimane. Nello stesso anno produce l'album di Francesco Renga, “Ferro e cartone”. Dall’album – entrato subito in classifica al primo posto – verranno tratti tre singoli (“Cambio direzione”, “Ferro e cartone” e “Dimmi”) che rimarranno fra i primi tre posti delle classifiche per più di 6 mesi. A maggio produce tre nuove canzoni per la versione internazionale del “Best of” di Elisa. L'album - il titolo è “Caterpillar” - viene pubblicato in Giappone ed in USA.
Ad agosto ha inizio per la prima volta la collaborazione in studio con Luciano Ligabue. Produce due canzoni inedite che faranno parte del primo "best of" della carriera dell’artista. L'album, intitolato “Primo tempo”, viene pubblicato a novembre e diventa multiplatino in due mesi, grazie al grande successo dei due singoli “Niente paura” (numero 1 per ben 15 settimane) e “Buonanotte all’Italia”.
Il 9 novembre del 2007, diventa il primo produttore della storia a occupare contemporaneamente nella stessa settimana i primi tre posti della classifica con tre artisti diversi: n.1 “Niente paura” (Ligabue), n.2 “L’immenso” (Negramaro) e n.3 “Ferro e cartone” (Renga).
Nello stesso anno esplora una nuova, eccitante strada musicale, diventando “produttore artistico” dei live di Francesco Renga e di Luciano Ligabue, creando nuovi arrangiamenti e curandone il suono.
Nel 2008 produce “Il centro del mondo” - il primo singolo del secondo “best of” di Luciano Ligabue, che – a giugno 2008 - è già al primo posto delle classifiche Nielsen. Intitolato “Secondo tempo”, l’album esce il 30 maggio 2008.
Nel 2009 produce l’album di esordio di Romeus, giovane artista pugliese che Corrado scopre e che presenta alla Sugar.
Nel 2010 produce il nuovo album di inediti di Luciano Ligabue “Arrivederci, Mostro!”. Il primo singolo tratto dall’album entra e rimane al numero 1 delle classifiche della Nielsen per ben 13 settimane. L’album, al primo posto delle classifiche italiane per oltre tre mesi, diventa Album dell’anno. Nel gennaio del 2010, il brano "Luce" - prodotto e arrangiato da Corrado – viene votato come "Migliore canzone del decennio”.
Nel Febbraio del 2011 produce “Il mare immenso” di Giusy Ferreri, che riceve la certificazione di Disco D'oro.
Nel Marzo del 2012 produce l'album “RossoNoemi” di Noemi, che riceve la certificazione di Disco D'oro.
Nel 2013 produce "Come in cielo così in guerra” di Cristiano De André.
Nel 2014 pubblica il CD/DVD “Blaze and Bloom - Live in Japan” come Corrado Rustici Trio, un gruppo di rock-fusion al quale partecipano Steve Smith (Journey, Steps ahead) alla batteria e Peter Vettese (Jethro Tull, Annie Lennox) alle tastiere.
Nel 2016 completa un lungo periodo di registrazioni, durato per ben sei anni, per il suo nuovo progetto chitarristico intitolato “Aham”.

Già musicista, autore, produttore e arrangiatore di successo, Rustici è attualmente impegnato a sviluppare un nuovo software musicale, un innovativo approccio all’Arte della Musica Transmoderna.
Nel Luglio del 2017 riforma il gruppo dei Cervello con i quali si esibisce in solo concerto al Tsutaya O-east di Tokyo.
Nel giugno 2018 produce, arrangia e suona quasi tutti gli strumenti su “Resta quel che resta” di Pino Daniele.
Nel Gennaio del 2019 produce e pubblica il CD/DVD “Cervello - Live in Tokyo 2017”.
Nel Luglio del 2019 produce e pubblica il CD “For the beauty of this wicked world”. Una collaborazione musicale con il famoso chitarrista acustico, italo-americano, Peppino D’Agostino.

Share