Ciao Johnny Winter il blues piange un’altra stella

Scritto da Redazione. Postato in Reportage

Share

Ciao Johnny Winter il blues piange un’altra stella

JohnnyWinter

È di ieri la notizia della scomparsa del leggendario chitarrista blues Johnny Winter. La notizia è stata confermata da diverse persone vicine a Winter, tra cui Jenda Derringer, moglie di Rick Derringer. Winter stava male da tempo, complice una vita vissuta sempre al limite, tra droga e alcool.

Albino, come il fratello, era "nero" nell'animo per la sua grande devozione al blues con Muddy Waters e Willie Dixon tra i suoi principali punti di riferimento. Certo non aveva la fama e la notorietà internazionale di Clapton e Hendrix, ma con la sua chitarra ha contribuito a scrivere parte della storia del blues. 

Johnny sapeva interpretare i classici e i pezzi da lui composti con un tocco personale, spesso contraddistinto dall'uso della slide. La sua carriera, iniziata verso la metà degli anni '60, non ha conosciuto soste numerosi riconoscimenti dalla critica e dai fans. Anche Johnny Winter, del resto, fu uno dei musicisti che si esibirono nel celeberrimo concerto rock di Woodstock nel 1969. Un evento stellare che consacrò la carriera di tantissimi artisti come The Who, Jimi Hendrix e Santana. E tra loro Johnny Winter non passò affatto in secondo piano, anzi la sua esibizione riscosse un successo enorme. Purtroppo, con la sua scomparsa avvenuta poco prima del compimento del settantesimo anno, la chitarra rock perde uno dei suoi interpreti più genuini e originali.

 

Share