Antonio “Rigo” Righetti  “Autoscatto in 4/4”

AntonioRigoRighetti_AutoscattoIn44

Antonio “Rigo” Righetti

“Autoscatto in 4/4”

dal 19 febbraio 2011 in tutte le librerie

e in contemporanea tour in tutta Italia

AntonioRigoRighetti_AutoscattoIn44

Un album “Smiles & Troubles”, due anni di live ininterrotti, molte collaborazioni prestigiose e oltre tre decenni di esperienze su e giù dai palchi di tutta Europa e non solo, anche al fianco di Ligabue con il quale Rigo collabora da anni.

Antonio “Rigo” Righetti

“Autoscatto in 4/4”

dal 19 febbraio 2011 in tutte le librerie

e in contemporanea tour in tutta Italia

 

Un album “Smiles & Troubles”, due anni di live ininterrotti, molte collaborazioni prestigiose e oltre tre decenni di esperienze su e giù dai palchi di tutta Europa e non solo, anche al fianco di Ligabue con il quale Rigo collabora da anni.

Tutto questo e molto altro ancora è: Antonio “Rigo” Righetti, e sarà bello scoprirlo nel libro di cui è autore “Autoscatto in 4/4”, che vedrà la luce il 19 febbraio 2011, in contemporanea con la nuova serie di concerti – “Autoscatto in 4/4 tour” – organizzati da Ulive, che lo vedranno protagonista in tutta Italia; lo show è incentrato sui brani del disco Smiles & Troubles oltre ad alcune famose cover.

 

“Autoscatto in 4/4 è un libro che ho scritto mettendoci dentro tutte le mie ossessioni musicali, la mia passione per l’arte della musica e quelli che per me sono dei Maestri indiscussi dello spirituale nell’arte, da Joe Strummer a Bob Dylan, da Waits a Bruce Springsteen. Romanzando storie che sono vere mi sono divertito a rendere omaggio a quelli che mi hanno passato il testimone. Come in un gioco di scatole cinesi , la storia di Jack Kerouac e Neal Cassidy fa da trait d’union , con il suo monito silenzioso e inequivocabile sulla fama e l’amicizia ed il loro difficile rapporto” dice Rigo parlando del suo libro.

La prefazione è a cura di Luciano Ligabue con cui Rigo collabora da 15 anni: “Conosco molto bene Rigo. Abbiamo condiviso tanto insieme. Davvero tanto. E’ per questo che mi è impossibile leggere il suo libro con distacco. Anche perché questo libro è la migliore fotografia che qualcuno gli potesse mai fare. In questo caso è stato lui a usare l’autoscatto”.

 

Il libro, a cui è allegato un cd contenente l’original soundtrack della lettura, sarà disponibile nelle migliori librerie (o c/o Damster Editore). Con una nota di Sandro Veronesi.

{jcomments on}

Categorie:

Nessuna risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *