STANLEY CLARKE, STEWART COPELAND – ROMA INCONTRA IL MONDO

STANLEY CLARKE & STEWART COPELAND

ROMA INCONTRA IL MONDO

Il 17 Luglio, nella suggestiva location di Villa Ada, la popolare rassegna  “Roma incontra il mondo” ha ospitato due grandi leggende della musica contemporanea: il bassista Stanley Clarke ed il bat-terista Stewart Copeland, ex dei Police.

 

STANLEY CLARKE & STEWART COPELAND

ROMA INCONTRA IL MONDO

STANLEYCLARKE_ROMA-INCONTRA-IL-MONDO2012

Il 17 Luglio, nella suggestiva location di Villa Ada, la popolare rassegna  “Roma incontra il mondo” ha ospitato due grandi leggende della musica contemporanea: il bassista Stanley Clarke ed il bat-terista Stewart Copeland, ex dei Police.

L’evento, tra i più attesi tra quelli in programmazione,  si è subito distinto per il suo carattere speri-mentale e inconsueto che ha dato vita ad una continua improvvisazione. Secondo chi scrive, tutta-via,  se i punti di forza del concerto sono stati  la bravura e  l’individualità dei singoli musicisti (ri-cordiamo anche Brady Cohan alle tastiere e Ruslan Sirota alla chitarra), le debolezze, ovviamen-te sempre relative, sono state la scarsa riconoscibilità dei singoli brani e l’eccessiva analogia tra di essi, che hanno comportato un appiattimento  della resa globale dell’intero evento e il relativo calo di attenzione da parte dell’ascoltatore.
STEWART_COPELAND_ROMA-INCONTRA-IL-MONDO2012
Alla grande intesa tra i quattro musicisti, caratterizzata da un equilibrata alternanza di assoli e ac-compagnamenti, sono emersi molteplici interventi degni di nota del basso elettrico: Clarke, infatti,  ha dispensato  una serie di assoli musicali perfettamente nel suo stile alternando accordi, arpeggi e pennate percussive a note di armonici e riempiendo la scena con la sua grande personalità. 

Uno dei momenti  più emozionanti ed interessanti dal punto di vista tecnico, inoltre, è stato quando Clarke  ha preso a suonare il contrabbasso  con il suo tipico modo percussivo,  impegnandosi in groove di stile funky e sonorità jazz e regalando al pubblico di Villa Ada una grande lezione del suo personalissimo stile che, a tratti,  sembra ispirarsi alla tecnica slap del basso elettrico. 

In conclusione, il concerto è sembrato particolarmente interessante per  il suo aspetto sperimentale e per le rilevanti personalità impegnate nel progetto.  Lo spessore musicale dei due, infatti, ha regalato forti emozioni.

By: Simone Massimi
Photo: Federico Ugolini

{jcomments on}

Categorie:

Nessuna risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *