Francesco Vinci & Bootleg Band

Francesco Vinci & Bootleg Band

Boot Tip

Francesco Vinci & Bootleg Band – Boot Tip

Artista: Francesco Vinci & Bootleg Band

Produced and arranged by Francesco Vinci and Lucrezio de Seta.
Recorded, mixed and mastered at Headache – Box Studio by Lucrezio de Seta – Rome
Keyboards recorded by Marco Quagliozzi at House of Blue Light Studio – Rome

 

Rock-blues in bianco e nero per questa band dai suoni freschi ed attraenti a tal punto da ricordare i fasti dei tempi passati, indiscussi imperatori del genere.
Per questo lavoro discografico Francesco Vinci si avvale di musicisti di qualità ed esperienza che garantiscono, non solo un groove profondo e sentito (troppi sono i turnisti che suonano a marchetta senza cuore), che genera un vortice d’emozioni e suoni da “leggere” piuttosto che semplicemente ascoltare. Per quanto riguarda noi di Planet Drum non possiamo che iniziare a parlare della band iniziando dall’ormai conosciuto, ed illustre ospite della nostra rivista, Lucrezio de Seta. Lucrezio lo conosciamo (vedi il suo curriculum nella sezione Guestbook) ha suonato con molti artisti, non solo italiani, ed è sempre alla continua ricerca di nuove sonorità esibendosi in diverse formazioni di ogni genere, mostrando la sua grande versatilità. In questo disco, dove la sezione ritmica ha una notevole importanza propositiva ed emotiva, egli, insieme al bassista Mick Brill, dimostra come un brano riesce a cambiare volto quando “portato con mestiere”.vinci

Ultimo, ma non per qualità, il tastierista Marco Quagliozzi che abbiamo già trovato in tandem con Lucrezio e che ritroveremo nelle prossime recensioni (anticipiamo la prossima recensione di un disco nel quale Marco, insieme al trio “Blues In Vein, ha suonato).

Nonostante il genere non sia propriamente classificabile in un’unica classe (riteniamo contraddittorio classificare un qualcosa che riteniamo inclassificabile per sua natura, per questo motivo siamo sempre stati molto restii a classificare l’arte come si può fare con gli ortaggi), il CD tende maggiormente al rock blues e si lascia ascoltare molto volentieri senza presentare, come purtroppo spesso succede, eccessi d’egocentrismo.

‘Boot Tip’, questo è il titolo dell’album, apre con “High Time” un brano d’intensità media che lascia già assaporare quello che l’ascoltatore dovrà aspettarsi nel resto del disco. Infatti le attese non deludono e, se il secondo brano (“Takin’ Me Up”) apre con un intro di chitarra stile Toto, dal terzo (“Don’t Mind”) iniziamo ad assaporare ritmi blueseggianti che smuovono anche le pietre (sfido chiunque a scrivere una recensione di questo album, mentre lo si ascolta, riuscendo a stare fermi!).
Con “Thinkin’ About Ya” ci spostiamo verso un blues più classico e rilassante che funge da preludio a “Lullubay Blues”, un vero dono alla musica soft con una chitarra che guida, portando per mano, l’intero brano come in una favola.

A proposito di Toto, una nota particolare voglio dedicarla al Francesco Vinci cantante: eccellente interpretazione, ottimo timbro (ricorda molto Steve Lukather) e bellissime le musiche prodotte ed arrangiate dallo stesso Francesco e da Lucrezio de Seta. Il ruolo di Lucrezio sembra volgersi a 360 gradi infatti, il nostro, oltre che all’ovvia rappresentazione sul drum set ed alla produzione, ha anche missato e rimasterizzato il cd al Box Studio a Roma. Che dire, siamo troppo di parte?

Da menzionare, con un plauso particolare, la copertina (o meglio il cofanetto intero) composta da una sorta di copertina a libretto in cartone che si apre in tre sezioni, al centro delle quali è alloggiato il cd. Bella la grafica e ben fatte le foto (ottima l’idea dei dettagli delle mani dei musicisti). L’unico appunto potrebbe riguardare il colore, troppo scuro ma come si dice… non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace!

In un mondo di contraddizioni ed incertezze è la musica ben fatta (come questa propostaci da questa band), inspirata e rispettosa delle regole ma mai banale, a darci la forza di seguitare a svolgere un mestiere (quello del musicista ma non solo) per niente facile e privo di compromessi.

Grazie ragazzi.

 

BRANI CONTENUTI:

1. High Time
2. Takin’ Me Up
3. Don’t Mind
4. Boot Tip
5. Against The Wall

6. Thinkin’ About Ya
7. Lullubay Blues
8. My Love Is Alive
9. Woman Goodbye

MUSICISTI:
Francesco Vinci (guitar & vocals)
Marco Quagliozzi (keyboards)

ENRICO SOLAZZO (bass & backing vocals)
LUCREZIO DE SETA (drums)

Categorie:

Nessuna risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *